Organizzare un progetto di ricerca con Trello

1 Febbraio 2020 | Software e strumenti

Trello è uno strumento online semplice da usare, gratuito ed in italiano, che ti aiuta ad organizzare e gestire quotidianamente qualsiasi progetto, dal tuo prossimo esame all’università al materiale per una presentazione fino alle tue prossime vacanze. In questo articolo ti mostro come lo utilizzo per rendere le analisi dei dati più veloci ed efficienti.

Calendario progetto analisi dati

Quanto tempo ci vorrà? Che metodo di lavoro è meglio utilizzare per riuscire a rispettare tutte le scadenze? Come si fa ad evitare di saltare qualche passaggio? Quando si inizia un nuovo progetto, come un’analisi statistica, le domande sono sempre tante.

Per migliorare la tua produttività, gestire al meglio il tuo tempo ed avere sempre ben chiaro a che punto sei, è importante avere una traccia da seguire: puoi segnare tutti i passaggi da compiere sulla tua agenda, fare una check-list su un foglio, attaccare dei post-it su una lavagna oppure usare un software online, come Trello (disponibile sia da pc che da telefono tramite app gratuita).

È uno strumento semplice da usare e molto intuitivo dove puoi condividere file, confrontarti e monitorare costantemente l’avanzamento dei lavori. Da quando ho iniziato ad utilizzare Trello per gestire le consulenze statistiche, il mio lavoro è migliorato perché sia io che il cliente abbiamo sempre il quadro completo delle attività ancora da fare, di quelle in corso e di quelle già completate e tutto il materiale necessario per il loro svolgimento.

Come funziona Trello

Trello ti aiuta a semplificare il lavoro da fare, perché puoi dividere ogni progetto in diverse attività e ogni attività in specifici task (compiti). Qui sotto trovi un esempio di un progetto che ho creato per mostrarti in pratica come funziona.

Come funziona Trello: un bacheca di esempio

Bacheche

Quando inizi un nuovo progetto, come prima cosa devi attribuirgli un titolo. In questo caso, ho denominato il progetto: “Esempio Analisi dati”. Per ogni progetto, Trello crea una bacheca al cui interno puoi inserire tutti i contenuti relativi a quello specifico progetto. Ti aiuterà ad avere in ogni momento una panoramica complessiva del lavoro svolto e delle attività ancora da svolgere.

Liste

Successivamente ho suddiviso la bacheca in colonne, creando delle liste. Puoi utilizzare le liste sia come contenitore in cui tenere traccia del materiale di riferimento o di altre informazioni sia per organizzare le varie fasi del progetto.

In questo esempio, puoi vedere due liste-contenitore:

  • Lista Input in cui sono presenti sia il dataset utilizzato per le analisi sia le informazioni sugli articoli di riferimento
  • Lista Aspetti burocratici, per avere sempre un riepilogo veloce anche delle date di consegna, dei contratti e delle fatture emesse.

E tre liste che riguardano le attività da svolgere:

  • Lista Attività completate che include le analisi già svolte. In questo esempio, l’analisi esplorativa iniziale, la pulizia dei dati e la loro ricodifica, la revisione del dataset e le analisi descrittive univariate e bivariate.
  • Lista Attività in corso, indica quali sono i file e le analisi attualmente in elaborazione. In questo esempio, la creazione di grafici di dispersione e l’aggiornamento degli output relativi alle analisi effettuate sia in Excel che in R e del report in Word.
  • Lista Attività ancora da fare, cosa resta da fare prima di concludere il progetto. In questo esempio, la parte di analisi inferenziale (verifica ipotesi modello di regressione, scelta e costruzione del modello di regressione) e la stesura del report finale.

Schede

Infine, le Schede: singoli box all’interno delle liste per dettagliare tutte le attività da svolgere fin nei minimi dettagli. Puoi pensare alle schede come a dei post-it, perché possono essere facilmente riordinate all’interno di una lista oppure spostate da una lista ad un’altra (ad esempio da attività in corso ad attività terminate) con un semplice trascinamento.

Inoltre, nel retro di ogni scheda trovano posto tutte quelle informazioni di dettaglio che potrebbero generare confusione nella visualizzazione d’insieme della bacheca, ma utilissime per gestire le attività da fare: ad esempio una descrizione più specifica, link a siti web o indicazioni passo-passo. Ma anche commenti per feedback o aggiornamenti. Si può aggiungere anche una checklist  per assicurarsi che nessun passaggio vada perso per strada, una data di scadenza oppure un file allegato.

Analisi statistica con Trello

Ogni volta che inizio una nuova consulenza di analisi dati o una consulenza statistica su misura, creo una nuova bacheca di lavoro privata, a cui possono accedere solo i singoli membri di un progetto. Al suo interno imposto tutte le liste e le schede necessarie in base agli obiettivi ed agli accordi presi. Da quel momento in poi, tutti i partecipanti al progetto potranno monitorare ed aggiungere materiali o commenti in qualsiasi momento. La forza di Trello sta anche in questo: nella possibilità di collaborare con altre persone senza perdere tempo in infiniti scambi di mail.

E adesso?

Per aiutarti a capire ancora meglio come utilizzare Trello per un’analisi dei dati, ho reso pubblica la bacheca che ho utilizzato in questo esempio, in modo che tu la possa visualizzare in tutti i suoi dettagli. Trovi il link per accedervi nella guida gratuita SOS Statistica sul web. Al suo interno troverai anche tanti altri strumenti online, tutti gratuiti ed in italiano, che ti aiuteranno a gestire in modo più efficace e veloce tutte le fasi di un progetto di ricerca, dalla progettazione all’analisi e comunicazione dei risultati. Buona lettura!

Paola Pozzolo

Paola Pozzolo

Sono Paola Pozzolo e mi occupo di consulenze e formazione statistica. Ti aiuto a trasformare i dati in informazioni utili ed affidabili per raggiungere i tuoi obiettivi di ricerca e prendere le decisioni che più valorizzeranno il tuo lavoro.